Profumo di negroamaro. In bici lungo la via del vino da Lecce a Guagnano.

A novembre, in Salento, è un piacere mettersi in sella a una bici e partire alla scoperta delle campagne, respirandone i profumi.Cicloturismo per viaggiatori che amano le vacanze green. Escurioni a ritmo lento per chi vuol trovare un modo nuovo di guardare al territorio, lontano dal traffico e dalle tappe obbligate del turismo convenzionale.E allora ubriachiamoci di bellezza e mettiamoci in viaggio lungo la via del vino che collega Lecce a Guagnano, in un percorso rurale incorniciato da uliveti secolari, terra rossa, fichi d’india e vigneti. 

 

Già, i vigneti. Una pedalata dopo l’altra entriamo nel cosiddetto “Parco del Negroamaro”, quella vasta zona che comprende 26 Comuni della provincia di Lecce e Brindisi, famosa per la produzione di uno dei vini più tipici del Salento.

Dalla stazione ferroviaria di Lecce, giù lungo viale Gallipoli, svoltiamo all’ultimo bivio a sinistra, che ci porta al sottopassaggio. Così pedaliamo per circa cinque chilometri nelle campagne della Valle della Cupa.A intervallare la biciclettata fra i vigneti ci sono le cantine che troviamo sul nostro percorso (per un’inebriante tappa alcolica) e i centri storici.

Una sosta ad Arnesano, ad esempio, ci fa scoprire il palazzo marchesale risalente al XVII secolo e la chiesa madre, con l’interno caratterizzato da altari in pietra leccese e decori in stile barocco. Nelle campagne appena fuori Campi Salentina, invece, possiamo ammirare la chiesa rurale della Madonna dell’Alto, i menhir “Candido” e “Sperti”, e un antico tratto di strada messapico-romana.

Ancora, sparse fra le campagne intorno a Monteroni scorgiamo numerose ville nobiliari risalenti a un arco di tempo che va dal XV secolo all’inizio del Novecento.

Il Negroamaro

La cultura del vino, e del Negroamaro in particolare, in Salento ha origini antichissime, che risalgono addirittura ai Messapi e si intrecciano con l’arrivo da queste parti dei monaci basiliani, che ebbero un ruolo importante nell’insegnare ai contadini come coltivare il vitigno del Negroamaro.Con il suo intenso colore rosso-violaceo e il gusto pieno e amarognolo, questo vino è fra i protagonisti indiscussi della produzione vinicola salentina e pugliese.

L’origine del nome

Secondo alcuni il termine Negroamaro deriva dall’espressione dialettale niuru maru, che fa riferimento proprio al caratteristico sapore amaro di questo vino.Probabilmente, però, l’etimologia corretta è da ricercare nella parola latina nigra e in quella greca mavro: entrambe significano “nero” e messe insieme sottolineano il caratteristico colore scuro del Negroamaro.

Il museo del Negroamaro

In viaggio lungo questa via del vino, una delle tappe più interessanti – anzi, diciamo pure imperdibile – è quella al museo del Negroamaro di Guagnano (in via Castello n. 19). Le sale sono ricavate in un ex palmento (locale dove avveniva la pigiatura dell’uva) risalente alla fine dell’Ottocento e visitandole si può vivere un affascinante viaggio indietro nel tempo, fra botti, torchi, garolle e fermentini che raccontano le fasi di produzione del vino, dalla raccolta dell’uva alla pigiatura, dalla fermentazione del mosto all’imbottigliamento.Non soltanto attrezzature originali, il percorso in questo pezzo di storia locale è arricchito anche da materiale audiovisivo.

Hai bisogno di aiuto?

Siamo a tua disposizione per rispondere alle tue domande, fornirti informazioni e soddisfare le tue richieste.

800912235

Newsletter

Qualche suggerimento?

Villetta bilocale baia verde
Villetta bilocale baia verde starstarstar
ND

Viale dei Pini, Gallipoli, 73014, Lecce, Italy

Info rapide Dettagli
Villa Montani
Villa Montani starstarstarstarstar
35.71€  a notte

contrada Fani, Marina di Pescoluse, 73050, Lecce, Italy

Info rapide Dettagli